Speranza-Nolese 1-1: giusto pari

dass 

Giusto pareggio tra Nolese e Speranza che avvicina entrambe le formazioni alla posizione di tranquillità che si erano prefissate alla vigilia del torneo.

Saporito schiera i suoi con il modulo 3-4-1-2: Grosso confermato tra i pali, Limito, Maggioni e Gaudino in difesa, Fiorella, Scollo, Ghiglione e Canino in mediana, Ciarlo a sostegno delle due punte Luca e Seric.

Restano a palo: Bozzo, Lostia e Nagi, mentre Rossi e Fiorito vanno sono in panchina per vari problemi di natura fisica.

Sostanziale predominio dello Speranza nella prima frazione, gli uomini di Bruzzone sfiorano più volte la rete, prima con Passarelli (15’) che su calcio di punizione impregna Grosso in un intervento miracolo e subito dopo con Capezio che ti testa colpisce troppo centralmente consentendo a Grosso un colpo di reni per deviare la palla in angolo.

Subita la sfuriata offensiva dello Speranza i biancorossi creano una ghiotta occasione con Ciarlo che al 29’ liberato a tu per tu con il portiere, da un lancio di Maggioni, tira forte e centrale tra le braccia di Galì.

Speranza in gol al 36’: rimessa dal fondo di Grosso, carambola della palla tra i centrocampisti delle due squadre, con la stessa che finisce sui piedi di Duro che si libera abilmente di Maggioni e con un sinistro forte ed angolato palla l’incolpevole Grosso.

Biancoverdi ancora pericolosi al 41’ con Landucci che raccolta una corta respinta della difesa nolese impegna Grosso in un altro intervento miracoloso.

Termina così la prima frazione.

La ripresa che vede in campo Traetta al posto di Maggioni, in una squadra sbilanciata in avanti, è appannaggio della Nolese che si rende subito pericolosa con due azioni del neo-entrato Traetta che al 50’ e al 54’ perde due ottime occasioni per concludere a rete da ottima posizione, tergiversando nei dribbling.

Nolese pericolosissima al 63’ con Canino che liberato da Seric sbaglia la più facile delle occasioni mandando la sua conclusione a lato delle porta savonese, a tu per tu con Galì.

La pressione biancorossa è costante è innervosisce gli uomini di Bruzzone, a farne le spese sono Passarelli (67’) e Capezio (72’) espulsi dall’arbitro rispettivamente per reazione e fallo da dietro.

La doppia superiorità numerica permette alla Nolese di giungere al pari: minuto 74’ punizione al limite dell’area, Luca finta in tiro e mette in mezzo per lo smarcatissimo Canino che stoppa la palla e provandosi solo davanti a Galì non può che trafiggerlo con un preciso colpo d’interno.

Ad eccezione di una conclusione alta di Seric (82’) la gara non vive ulteriori emozioni e termina dopo tre minuti di recupero.

Il tabellino della gara:

SPERANZA (3-5-2): Galì, Bossolino, Passarelli, Giacchino, Ceraolo, Landucci, Piombo, Piras (dal 85′ Folco), Manotti (dal 75′ Lovesio), Capezio, Duro (dal 70′ Anselmo). All.: Bruzzone.

NOLESE (3-4-1-2): Grosso, Limito, Maggioni (dal 46′ Traetta), Gaudino (dal 72′ Pepe), Fiorella, Ghiglione, Scollo, Canino, Ciarlo, Seric, Luca. All.: Saporito

RETI: 36′ Duro (S), 74′ Canino (N)

ARBITRO: Vernanzoni

NOTE: Presenti circa 30 spettatori paganti.

Speranza-Nolese 1-1: giusto pariultima modifica: 2008-04-07T08:55:00+02:00da nolese1
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Speranza-Nolese 1-1: giusto pari

  1. addio tabelle calcoli dopo la figuraccia di ieri vedi ultimi 15 minuti ci ritroviamo a lottare fino alla fine visto che la classifica si e’ accorciata ,speriamo che la giornata di ieri ci serva da lezione visto che abbiamo fatto un grave errore

  2. il commento di ventosa non mi trova d accordo.Se un appunto si deve fare,e quello di non aver gestito al meglio la doppia superiorità numerica.La squadra avrebbe dovuto assumere una diversa disposizione tattica.Certo,a freddo siamo tutti piu bravi,ma un pò meglio si poteva fare.Comunque,il ritmo nel primo tempo è stato alto,e non abbiamo sfigurato,anche se bisogna ammettere che la difesa a 3 NON è per tutte le occasioni…e abbiamo concesso troppo.Il campo e il vento non hanno certo aiutato,il fraseggio a centrocampo comunque è stato sufficiente,specie nella prima frazione di gara.Migliore in campo Gino,senza alcun dubbio,e questo deve far riflettere.Traetta non è mai entrato in partita,peccato,poteva essere l arma vincente.Risente forse della poca fiducia? Bene Scollo,fino a quando è rimasto al centro,poi è sparito.Bene anche Ghiglione,non butta mai la palla e dà geometria al centrocampo.Concludo dicendo che,i punti potevano essere tre ma anche zero,il pareggio è giusto e la salvezza è solo rimandata,tranquilli!!

  3. Purtroppo Ventosa ha ragione: invece di non infierire (non so per quale ragione) dovevamo fare almeno il 2-1. Per me quello che e’ mancato domenica sono state la voglia e la determinazione in certi elementi della rosa. Va bene il campo, il vento, le scarse condizioni fisiche ecc… ma se si considera che abbiamo fatto 3 tiri in porta pericolosi e due sono stati fatti dallo stesso elemento (peraltro un centrocampista – gol compreso) si capisce bene dove siamo mancati, e gli altri dov’erano? Con 4 punte in campo ed in doppia superiorita’ domenica bisognava perlomeno fare il 2-1 in modo da stare piu’ tranquilli. Ora si incontrano 2 squadre alla disperata ricerca di punti e quindi bisogna fare molta piu’ attenzione. Con questa testa non si va da nessuna parte.

  4. 2 tiri in porta di un solo elemento … diciamo meglio un gol sbagliato che era impossibile sbagliare … e un gol realizzato che era impossibile sbagliare …

    In avanti si è patito un pò questo è vero !!!

    comuque 1 punto in 2 partite e salvezza matematica …

  5. m rivolgo all’ amico “amicici”………..accetto le critiche del primo goal nn realizzato,(almeno il secondo decisivo) su quel campo nn abbiam espresso il nostro migliore gioco. Mi è piaciuto l’ attegiamento ke abbiam avuto il secondo tempo,recuperando la partita,fin ad un quarto d ora dalla fine poi no comment!!!!!!!!!!condivido cm sissoko!!spero nel punteggio pieno domenica……..xk a cengio la vedrei dura….

Lascia un commento